fbpx
Cerca

I “pupi ri zuccaro” per la Festa dei morti in Sicilia

È una ricorrenza sentita che lega bambini e adulti ai loro defunti. Si racconta che la notte tra l’1 e il 2 Novembre i defunti fanno visita nelle case dei loro cari per portare dei doni ai bambini che sono stati buoni. Un giorno di festa quando i bambini vanno alla ricerca dei regali e dei cesti pieni nascosti in giro per la casa.
festa-dei-morti-in-sicilia

La festa dei morti in Sicilia

La “festa dei morti” risale al X secolo e viene celebrata il 2 Novembre. È una ricorrenza sentita che lega bambini e adulti ai loro defunti.

Si racconta che la notte tra l’1 e il 2 Novembre i defunti fanno visita nelle case dei loro cari per portare dei doni ai bambini che, durante l’anno, sono stati bravi e hanno pregato per loro. Ma per i bambini monelli? Per i monelli nessun dono ma è loro riservata una “grattugiata” ai piedi.. i bimbi infatti si divertono a nascondere tutte le grattugie per non farle trovare ai morti.

L’attesa inizia già la sera prima quando i genitori raccomandano ai figlioletti di preparare ai piedi del letto “u cannistro” – il cesto – e di andare a letto presto perché l’indomani ci sarà una sorpresa per loro.

La notte tra l’1 e il 2 Novembre, infatti, i morti si risvegliano e vagano per la città per procurarsi doni e dolci con cui riempiranno i cesti.

Il 2 mattina per i bambini inizia la “caccia al tesoro”: i regali e i cesti pieni sono, infatti, nascosti in giro per la casa.

Ma pieni di cosa? Di biscotti detti “crozzi i mottu” – le ossa del morto -, di frutta secca – “u scaccio”, di taralli ovvero ciambelle ricoperte di glassa di zucchero, di biscotti glassati di cioccolato fondente o, ancora, di pupi di zucchero e di frutta marturana.

“Pupi ri zuccaro”? “Frutta marturana”? Ma cosa sono?

I “pupi ri zuccaro” – in dialetto “pupaccena” – sono delle statuette di zucchero colorato raffiguranti Paladini, Dame e altre figure umane.

Nel 1574 ad un cuoco siciliano, Sansovino, è stato affidato il compito di preparare un dolce in onore a Enrico III, il figlio di Caterina de’ Medici: nascono così le statuette di zucchero.

Perché “pupaccena”?

L’origine di questa prelibatezza dolciaria è ancora avvolta dal mistero. Secondo alcuni, la sua storia risale addirittura all’epoca araba, quando un nobile in rovina avrebbe sorpreso i suoi ospiti presentando questo dolce unico, composto da un singolo ingrediente, il che lo rendeva un’opzione economica e accessibile.

Un’altra teoria affascinante suggerisce che l’ispirazione per questo dolce sia venuta a dei marinai palermitani durante il loro ritorno da Venezia nel lontano 1574. Le influenze di viaggio possono aver portato alla creazione di questa delizia culinaria unica.

In entrambi i casi, la storia di questa specialità conserva un alone di mistero e incertezza, il che aggiunge ulteriore fascino a questo prelibato dolce.

La Frutta Martorana è un dolce sorprendente fatto di marzapane. C’è una storia di un convento a Palermo chiamato Martorana che aveva un giardino incantevole. Il vescovo rimase impressionato e andò a trovare le suore benedettine che vivevano lì. Le suore decisero di stupirlo preparando dei dolcetti usando solo pochi ingredienti: farina di mandorle bianche, zucchero, acqua e aromi naturali, per poi modellarli a forma di pere, arance, limoni e altri frutti maturi appesi sui rami degli alberi. Presto la gente di tutta la zona sentì parlare di questa deliziosa “Frutta Martorana” e le suore iniziarono a produrli su ordinazione.

Fortunatamente, queste prelibatezze sono facilmente disponibili in tutta la regione e sono vendute in molti bar, caffè e panetterie locali, quindi tutti hanno l’opportunità di sperimentare la gioia di concedersi alcune delle migliori creazioni culinarie siciliane.

Tag

Condividi questo articolo

Leggi anche

Militello Rosmarino

Militello Rosmarino è un luogo ideale per gli amanti della natura e delle attività all’aria aperta. La zona circostante offre opportunità per escursioni, trekking e passeggiate panoramiche lungo i sentieri dei monti Peloritani

Leggi Tutto »

Capo d’Orlando

Capo d’Orlando è ricco di secoli di storia affascinante. Il porto affascinante e pittoresco è veramente uno spettacolo da ammirare, specialmente durante le calde e dolci serate estive quando il sole sta per tramontare.

Leggi Tutto »

Tortorici

Tortorici offre una prospettiva autentica della vita siciliana, lontana dal turismo di massa. È un luogo ideale per coloro che cercano tranquillità, bellezze naturali e un’atmosfera tradizionale.

Leggi Tutto »

Articoli recenti

festa-dei-morti-in-sicilia
isole-minori-della-sicilia

Le isole minori della Sicilia

Ogni isola minore della Sicilia ha la sua unicità e offre esperienze straordinarie che combinano relax, avventura, cultura e una deliziosa cucina locale. Esplorare queste isole è un’esperienza indimenticabile che lascia un’impronta duratura nel cuore e nella mente di chi le visita.

Leggi Tutto »

Marsala

Posta nella parte più occidentale della Sicilia Marsala, forte del suo carattere archeologico e ambientale, conserva testimonianze disseminate in un luogo geograficamente speciale, dove la natura si esprime nelle sue molteplici sfaccettature.

Leggi Tutto »

Longi

Longi è un luogo tranquillo e affascinante, immerso nella natura incontaminata delle montagne siciliane. È un’ottima meta per gli amanti dell’escursionismo, della natura e della cultura locale. La sua posizione privilegiata offre un’esperienza autentica e un’opportunità di scoprire la bellezza e l’autenticità della Sicilia rurale.

Leggi Tutto »